Naan indiani

Un paio di settimane fa, abbiamo comprato quattro vasi di coccio e li abbiamo usati per creare un tandoor (un forno indiano). Ebbene, non era così facile ma Giulio ed io abbiamo una grande passione per il pane indiano, forse perché i genitori di Giulio erano fornai e lui ha ereditato l’amore per il lievito.

Il pane indiano è una delle cose più buone al mondo. Croccante fuori, ma morbido dentro, eleva un curry indiano ad un’esperienza gourmet. Un tandoor autentico non è indispensabile per fare naan autentici a casa e noi siamo un po’ esagerati, perchè i naan nel forno di casa un milione di volte e sono sempre venuti buonissimi, però è una bella esperienza cuocerli nel tandoor in terracotta.

naan7 naan8

Come consistenza, il naan è molto simile a una focaccia. E’ spugnoso, pieno di piccoli buchi che si formano dopo una lunga lievitazione. E’ molto importante lasciare il naan a riposare per almeno una ora e mezzo – più lievita a lungo, meglio è. Considerando che stiamo entrando nell’inverno ed il freddo disturba la lievitazione, un trucco che uso a casa è quello di mettere l’impasto dentro il forno con solo la luce accesa. La luce scalda, ma non troppo, e crea l’ambiente perfetto per il lievito, senza sbalzi di temperatura.

naan4

L’altro trucco per ottenere dei naan perfetti è di mettere un po’ di acqua alla base del forno. Questo trasforma il vostro forno in un ‘bagno turco’, dandovi la mollica soffice. Non vi preoccupate – il fuori rimane sempre croccante.

Vi è venuta voglia di fare i naan a casa?… spero di si. Credetemi, sono squisiti!!

naan3

Se provi questa ricetta, condividila con #cucinainternazionale.

[cooked-recipe id="1787"]
(recipe not found or in draft status)


(recipe not found or in draft status)

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento