Come mangiare sushi nel modo “corretto”

Come si deve mangiare il sushi? Spalmare più wasabi in cima? Raccogliere il sushi con le bacchette e immergere il riso nella salsa di soia (e lascialo indugiare per assorbire i succhi salati)? O addirittura rimuovere il pesce dal riso e lo gustarlo separatamente, scartando il riso?

Molte persone non sanno che esiste in realtà un modo “corretto” per mangiare questo piatto amato. Il sushi ha delle regole tutte sue che spesso vengono dimenticate nei ristoranti italiani. Il sushi è delicato, ma difficile da mangiare nel modo corretto, anche io facevo tantissimi di questi “sbagli” prima di iniziare questo blog 🙂 .

Tuttavia, conoscere queste sette regole per mangiare il sushi può darvi un’idea di ciò che vi viene servito e di come mostrare rispetto/gratitudine allo chef. È anche il modo migliore per apprezzare veramente il vostro sushi e gustarlo al meglio nel ristorante o addirittura a casa!

sushi

1. Non usare le bacchette

Raccogliere il sushi con le mani pulite, non con le bacchette. In questo modo, non rovinate la forma perfetta del sushi che è stato realizzato dalle mani astute dello chef.

Sashimi, d’altra parte? Solo con le bacchette!

Se dovete posare le bacchette, non metterle direttamente sul tavolo. La maggior parte dei ristoranti includono un supporto su cui appoggiarle, ma se vi trovate senza, piegare l’involucro di carta per evitare che tocchino il tavolo.

Non lasciarle sporgere da una ciotola di riso. È considerato irrispettoso lasciare le bacchette sporgenti da qualsiasi piatto perché ricorda l’incenso usato per i funerali e le cerimonie nella cultura giapponese. Inoltre, non strofinare mai le bacchette insieme dopo averle spezzate. Questo dice all’ospite che pensate che le bacchette hanno delle schegge, e quindi pensate che i suoi utensili siano economici.

sushi

2. Andare piano con la salsa di soia

E’ terribile quando tutto quel delizioso riso cade nel piatto di salsa di soia, vero? Questo succede quando mangiate il sushi nel verso sbagliato!

Inclinare il sushi in giù per applicare solo un pizzico di salsa di soia sul pesce. Il riso e la salsa di soia non dovrebbero toccarsi. Altrimenti, assorbirai molta più salsa di quella di cui avete effettivamente bisogno. E andate piano – il piatto di salsa di soia dovrebbe apparire come l’estremità poco profonda della piscina, non l’estremità profonda.

Dopo che è stato immerso, posizionare il sushi sulla lingua con il pesce in giù. In questo modo, ottenete il sapore e la freschezza del pesce.

sushi

3. Niente wasabi o lo zenzero in salamoia

Pronti per questo… shock? Non è mai OK aggiungere del wasabi. Lo chef di sushi usa ciò che pensa è la giusta quantità di wasabi per creare il profilo aromatico perfetto per ogni pezzo di pesce.

Mescolare il wasabi nella salsa di soia è un grande passo falso nel sushi. Anche la più piccola quantità di wasabi può causare un travolgente colpo di calore e, a sua volta, impedirvi di sperimentare gli intricati strati di sapore che il sushi chef intendeva.

Mentre quando si tratta dello zenzero in salamoia, mangialo tra i pezzi di sushi, non mentre avete ancora del pesce in bocca. Lo zenzero non è un condimento, ma uno strumento per pulire il palato fra morsi. Tradizionalmente è consumato soltanto dopo pezzi di pesci grasso o oleoso come il tonno grasso e mai con il sashimi.

sushi

4. Mangiarlo in un morso

Mangiare il pezzo di sushi tutto in un boccone. Dividerlo a metà è apparentemente molto scortese allo chef, che ha trascorso del tempo a creare il pezzo perfetto per voi. Se il sushi è troppo grande, dillo allo chef in modo che possa aggiustare la proporzione per voi. Troverà la parte migliore del pesce che può accompagnare le dimensioni del sushi per adattarsi a voi.

5. Non esiste un ordine da mangiare preciso

In Giappone si dice comunemente che è meglio iniziare con il sushi di carne bianca e finire con un sushi dai sapori audaci. Ecco l’ordine consigliato dai puristi del sushi:

Idealmente questo ordine impedisce ai sapori di pesce più pesanti come il tonno grasso di sopraffare quelli più leggeri come il dentice, ma questa è l’unica regola che potete infrangere.

Comunque preparare le vostre papille gustative bevendo qualcosa come il tè o mangiando un po’ di zenzero o gari, per rinfrescare le vostre papille gustative dopo ogni pesce. E soprattutto non mangiare lo zenzero insieme al sushi! Questo, come il tè, è semplicemente per riavviare le papille gustative prima del prossimo piatto di sushi.

Tuttavia, i rotoli di sushi (aka maki-zushi o se preferite il tipo più grande, futomaki) dovrebbero essere consumati solo dopo il sashimi e il sushi, e ogni pezzo dovrebbe essere abbastanza piccolo da poter essere facilmente finito in un boccone. Ancora una volta, immergerlo solo leggermente nella salsa di soia.

Un purista di sushi non ordinerebbe né mangerebbe mai gli enormi involtini di sushi con dieci ingredienti che oggi vediamo comunemente nei menu (vi stiamo guardando, involtini ripieni di tempura di gamberi con la maionese piccante). Onorare la semplicità di ogni ingrediente è fondamentale quando si prepara un buon sushi.

sushi

6. Niente riso integrale

Il riso integrale non è tradizionalmente usato per fare sushi in Giappone. Ha una consistenza più dura e un sapore più masticabile del riso sushi a grana corta, che si lega insieme senza essere appiccicoso o gommoso. Un buon pezzo di sushi dovrebbe sciogliersi in bocca. Scusate, cereali integrali. Ma non siete al grado.

sushi

7. Ringraziare lo chef

Loda il riso! Lo chef ha creato la consistenza perfetta, il sapore di aceto e la temperatura per completare il sushi. La sua qualità è importante tanto quanto il pesce stesso.

Infine, non dare la mancia allo chef. Invece, potete comprarlo un bicchiere di sake da bere insieme a voi. Kanpai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.