10 curry da tutto il mondo

Quando pensate al curry, pensate che l’India sia il posto giusto vero?

La parola curry potrebbe derivare dalla parola ‘tamil kari’ che significa ‘un contorno con riso’ o potrebbe essere basata sulla vecchia parola inglese ‘cury’, che si riferisce a uno stufato. Un libro di cucina inglese, The Forme of Cury, è stato pubblicato nel 1390. Tutto il cibo caldo era chiamato ‘cury’ dalla parola francese ‘cuire’, che significa cucinare.

Mentre l’India è sicuramente la patria dei curry che conosciamo e amiamo, l’idea del piatto ha conquistato il mondo ed è uno dei must a livello internazionale.

Pronti per questo viaggio intorno al mondo dei curry? Nessun passaporto richiesto!

Pollo al curry indiano (Tikka Masala)

Asia

1. Curry Indiano

il curry indiano: Naturalmente, iniziamo dal luogo di nascita del curry. Non importa quanto è lontano dall’India, il curry di ogni nazione può rintracciare le sue radici in questa nazione. Non dovrebbe sorprendere, quindi, che l’India abbia un numero impressionante di curry. Il pollo korma (un piatto cremoso a base di latte di cocco o yogurt) e il riso riso biryani (piatto di riso che include zenzero, aglio e cipolle) sono esempi comuni che la maggior parte delle persone riconoscerà, ma consigliamo anche un buon curry di paneer, che è la versione indiana del formaggio fresco.

prova da te: 
Pollo al curry indiano (Tikka Masala)
Vindaloo di Maiale al Curry Indiano
Butter chicken o murgh makhani
Rogan Josh Spezzatino di agnello al curry
Paneer fatto in casa (formaggio indiano)

2. Curry Malesiani

il curry malesiano: A causa della sua stretta vicinanza con l’India, la Malesia fu uno dei primi stati ad adottare il curry, raccogliendo le ricette attraverso i commercianti di spezie. Passeggiando per le bancarelle di venditori ambulanti del paese troverete un sacco di curry laksa (o curry mee), una zuppa di spaghetti con tofu fritto e germogli di soia. Oppure potete provare l’amato nasi lemak, un curry con uovo sodo, acciughe e pasta di peperoncino.

prova da te: 
Pesce al curry

3. Curry Thai

il curry thailandese: Fortunatamente, alcuni dei più famosi curry thailandesi sono codificati a colori. Il kaeng kari (curry giallo) è un’opzione delicata, tradizionalmente servita con una salsa al cetriolo, e il kaeng khiao wan (curry verde) è un piatto molto più piccante a causa dei suoi peperoncini verdi. Nel frattempo, kaeng phet (curry rosso) abbandona i peperoncini verdi per quelli rossi. Altre scelte tailandesi includono il curry al massaman con arachidi e patate, e il som kaeng aspro. In entrambi i casi, vi viene di solito con una buona porzione di latte di cocco e foglie di kaffir.

prova da te: 
Curry verde Thai
Massaman curry

4. Curry Giapponese

il curry giapponese: Il fatto che il Giappone abbia un curry è la prova che questo piatto è amato in tutto il mondo! Il paese non ha legami coloniali con l’India e fondamentalmente ha ignorato qualsiasi cultura del cibo tranne la sua per centinaia di anni. Eppure, il curry è riuscito a intrufolarsi, e ora si manifesta in forme così comuni come il karee raisu (riso al curry), karee udon (pasta di grano al curry) e karee (curry servito dentro un panino). Il brodo di curry – i blocchi di spezie che creano la base di questi curry fatti a casa – sono anche molto popolari.

prova da te: 
Pollo al Curry Giapponese

Africa e il Caraibi

5. Curry Sud Africa

il curry sudafricani: L’influenza del curry in Sud Africa è principalmente malese, a causa dell’afflusso di lavoratori malesi nella regione molte lune fa. Questa influenza si traduce in curry che generalmente contengono un sacco di noci e latte di cocco, con l’esempio più distintivo di bunny chow. Sviluppato inizialmente come un modo per servire rapidamente, segretamente, i clienti neri sudafricani durante i giorni dell’apartheid, il bunny chow viene trasformato in un fast food molto popolare.

prova da te:

Bunny Chow

Ingredienti:

2 cucchiai di olio
6 filetti di coscia di pollo, tagliati a pezzi di 3 cm
1 cipolla tritata
3 spicchi d’aglio schiacciati
4cm di zenzero, grattugiato
1 anice stellato
1 stecca di cannella
1/2 cucchiaino di semi di finocchio
2 cucchiaini di garam masala
1/4 di cucchiaino di peperoncino in polvere
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
500ml di brodo di pollo
400g di fagioli bortoli, sciacquati, scolati
4 grandi panini tondi
95g di yogurt greco

Preriscaldare il forno a 180°C. Scaldare 1 cucchiaio di olio in una grande casseruola a fuoco medio. Condire il pollo, quindi cuocere, girare, per 4-5 minuti fino a doratura. Togliere dalla padella.

Aggiungere la cipolla e cuocere, mescolando, per 3-4 minuti fino a quando non si ammorbidisce. Aggiungere l’aglio, lo zenzero e le spezie, quindi cuocere per 2 minuti o fino a fragrante. Aggiungere il concentrato di pomodoro e cuocere ancora per 1 minuto. Restituisci il pollo alla padella e aggiungere il brodo. Portare a ebollizione, quindi ridurre il calore a medio-basso e cuocere per 20 minuti.

Aggiungere i fagioli e cuocere per 5 minuti o finché il pollo non è cotto e la salsa è leggermente ridotta. Togliere dal fuoco.

Nel frattempo, tagliare le cime dei panini e svuotare, scartando il ripieno e le cime. Spennellare con olio d’oliva e infornare per 5 minuti o fino a leggermente dorato, quindi mettere da parte.

Mescolare lo yogurt attraverso il curry, quindi dividere tra i panini.

6. Curry Jamaica 

il curry giamaicano: Il curry fu portato sull’isola nel 15° secolo da operai indiani orientali al seguito di inglesi coloniali. La carne di capra è molto popolare in Giamaica e tutti i suoi curry sono fatti con quella, insieme ai sapori dell’isola – spezie come il timo e il peperoncini piccanti locali – i Scotch Bonnet Peppers!

prova da te: 

Curry con Capra

Ingredienti:

1 cipolla grande, tritata grossolanamente
10 spicchi d’aglio
100g di zenzero, tritato
100ml di olio vegetale
2 peperoncini scotch bonnet, tritati
3 rametti di timo
4 cucchiai di polvere di curry 
700g di spalla di capra o agnello tagliata a cubetti
400g di pomodori, tagliati
300ml di brodo di carne
410g di fagioli in scatola
succo ½ limone

Mettere la cipolla, l’aglio e lo zenzero in un robot da cucina e frullare. Scaldare l’olio in una grande casseruola, aggiungere la miscela di cipolla e cuocere per 5 minuti fino a quando non si ammorbidisce. Aggiungere i peperoncini, il timo, il curry e 2 cucchiaini di sale. Cuocere per 2-3 minuti fino a fragrante.

Aggiungere la capra nella padella. Cuocere per 5 minuti a fuoco medio-alto finché la carne non si sarà rosolata. Aggiungere i pomodori e il brodo. Aumentare il calore, portare a ebollizione e cuocere per 10 minuti. Ridurre il fuoco, coprire e lasciare cuocere a fuoco lento per 2 ore e mezza – togliere il coperchio per gli ultimi 30 minuti di cottura.

Aggiungere i fagioli per scaldarli, più peperoncino se lo volete più piccante. Dopo 5 minuti in più, togliere dal fuoco. Aggiungere il succo di limone e mescolare bene. Servire con riso.

7. Curry Kenya

il curry keniano: Kuku Paka. Sinonimo della costa orientale del Kenya, in particolare di Mombasa, il kuku paka attinge a un crogiolo di influenze arabe, indiane e africane. La sua salsa a base di cocco avvolge il pollo alla griglia, che dona un sapore affumicato, carboncino.

prova da te: 

Kuku Paka

Ingredienti:

1 cucchiaio di olio vegetale
1kg di coscia di pollo, tagliati a pezzi
2 cipolle, a dadini
4 spicchi d’aglio, tritati
1 cucchiaio di zenzero, grattugiato
1 cucchiaio ciascuno di curcuma, cumino e coriandolo in polvere
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
½ cucchiaino di sale
1 lattina di pomodori tagliati a cubetti (400g)
1 lattina di latte di cocco (400ml)
succo di ½ limone

Scaldare l’olio in una pentola pesante a fuoco alto e friggere i pezzi di pollo fino a quando saranno ben dorati, mettendo da parte. Ridurre il fuoco a media e aggiungere un po’ più di olio alla pentola, se necessario. Friggere le cipolle fino a quando non si ammorbidiscono, aggiungere l’aglio e lo zenzero, e continuare a friggere fino a quando fragrante.

Aggiungere la curcuma, il cumino, il coriandolo, il peperoncino e il sale e mescolare bene per unire. Aggiungere i pomodori e il latte di cocco, mescolare bene e riportare il pollo nella pentola, coprendo con la salsa al curry.

Portare la pentola a ebollizione, ridurre il fuoco e cuocere a fuoco lento, scoperto e mescolando di tanto in tanto, fino a quando il pollo è molto tenero, circa 15-20 minuti. Servire il curry con il succo di limone. 

America Latina e Stati Uniti 

8. Curry Brazile 

il curry brasiliano: Questa fusione di cucina portoghese, africana e latino-americana è tradizionalmente fatta con pollo, gamberi, peperoncini e latte di cocco. Lo star è un burro di arachidi fatto in casa – conosciuto localmente come “pasta de amendoim”. Spesso servito con riso o il pane fatto con farofa (farina di manioca tostata), questo curry dolce e cremoso è famoso per essere il pasto preferito del calcio brasiliano Pele.

prova da te:

Xinxim de galinha

Ingredienti:

1kg di filetti di coscia di pollo, tagliati a dadini
succo di ½ lime
1 cucchiaino di aglio, schiacciato
1 cucchiaino di zenzero, grattugiato
1 cipolla media, tritata finemente
1 cucchiaio di olio d’oliva
200g di pomodori, tagliati a cubetti
50g gamberetti essiccati, facoltativo
125ml di latte di cocco
2 cucchiai di arachidi, tritati o il burro di arachidi
200 g di gamberi verdi, sbucciati
peperoncini tritati

Marinare il pollo con succo di lime, aglio, zenzero e sale per 30 minuti.

Scaldare l’olio d’oliva in una casseruola a fuoco medio, aggiungere la cipolla e far rosolare fino a quando non si ammorbidisce, quindi mescolare il pollo marinato. Aggiungere i pomodori e cuocere per circa 10 minuti, quindi aggiungere i gamberetti secchi, se si utilizza, e il latte di cocco e fate sobbollire delicatamente per altri 10 minuti.

Aggiungere i noci e i gamberi, coprire con un coperchio e continuare a cuocere a fuoco lento per altri 5-10 minuti, finché i gamberi non saranno cotti. Mescolare il peperoncino se si utilizza, aggiungere un po’ di pepe nero e il sale. Servire con riso e insalata.

9. Curry delle Hawaii

il curry hawaiano: Se la vostra mattinata passata a fare surf nell’Oceano Pacifico al suono dell’ukulele mentre indossavi una collana di fiori (cliché?) soddisfare il vostro appetito in un bar locale con un tipico stufato di curry hawaiano. Questo stufato a base di pollo e ananas servito con riso al vapore è uno dei preferiti del pranzo nello stato americano tropicale.

prova da te: 

Hawaiian Curry Chicken

Ingredienti:

1 pollo, tagliato in 8 pezzi
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio vegetale
1 cipolla grande, tritata
3 cucchiai di zenzero fresco, finemente tritato
1 cucchiaio di aglio, tritato finemente
2 stecchi di cannella
1 foglia di alloro
1 cucchiaio di polvere di curry
2 cucchiaini di farina
2 cucchiaini di zucchero
1 lattina di latte di cocco
100g di ananas fresco a cubetti
anacardi tostati salati tritati e succo di lime, per servire

Scaldare l’olio in una pentola a fuoco alto finché non è caldo, quindi pollo marrone. Trasferire in un piatto come cotto, riservando il grasso in pentola.

Aggiungere la cipolla, lo zenzero, l’aglio, la cannella e l’alloro nella pentola e cuocere fino a doratura della cipolla, circa 5 minuti. Aggiungere il curry in polvere e la farina e cuocere a fuoco moderato, mescolando, 1 minuto. Mescolare lo zucchero, il latte di cocco e portare a ebollizione.

Riportare il pollo nella pentola, quindi ridurre il calore e cuocere a fuoco lento, coperto, mescolando di tanto in tanto, fino a quando il pollo non viene cotto, per circa 20 minuti. Condire con sale, quindi trasferire su un piatto da portata. Aggiungere i cubetti di ananas, le arachidi e il succo di lime. Servire con riso.

Medio Oriente

10. Curry Afghanistan

il curry afgano: il Korma ha le sue radici nella cucina Mughlai del subcontinente indiano. Un caratteristico piatto moghul, si può far risalire al 16° secolo e alle incursioni Mughal nella regione. Da lì ha seguito le strade delle spezie in Afghanistan, dove ha assunto influenze arabe ed è fatto con dal (le lenticchie) al posto del riso.

prova da te:

Pollo Korma Afgano

Ingredienti:

125 ml di olio di canola
1,5kg di pollo, tagliato a pezzetti
1 cucchiaio di zenzero, tritato finemente
1 cucchiaio di aglio, tritato finemente
1 cipolla, tritata finemente
260g di yogurt greca
2 cucchiaini di curcuma in polvere
1 cucchiaino di sale
⅓ tazza di lenticchie, imbevuta di acqua fredda per 2-3 ore
2 pomodori, tagliati a dadini
4 peperoncini verdi, tagliati a fette sottili
3 lunghi peperoncini rossi freschi, tagliati a fette sottili

Scaldare l’olio in una padella a fuoco alto. Cuocere i pezzi di pollo per 8 minuti o fino a doratura su tutti i lati. Togliere dalla padella e mettere da parte.

Aggiungere lo zenzero e l’aglio in padella e mescolare per 1-2 minuti. Aggiungere la cipolla e cuocere per 6-7 minuti, o fino a doratura. Ridurre il fuoco al minimo, quindi aggiungere lo yogurt, la curcuma e il sale. Mescolare bene, portare a ebollizione, quindi riportare il pollo nella padella. Coprire e cuocere a fuoco lento per 6-8 minuti.

Scolare le lenticchie, aggiungere nella padella e cuocere a fuoco lento per altri 2-3 minuti. Aggiungere il pomodoro e il peperoncino e cuocere per 10 minuti, o fino a quando le lenticchie non sono cotti, la salsa è addensata e l’olio è salito in superficie.

Servire con anelli di cipolla rossa crudi, spicchi di lime e pane afgano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.