Pane Chapati: Le Piadine Indiane

Vai alla ricetta

Il Pane Chapati o, le piadine indiane, come sono chiamate a casa nostra, completa il nostro tris di pane indiani. Abbiamo già condiviso con voi la ricetta per il naan e per i roti, ma c’é una piccola differenza fra loro ed è il pane chapati. Il chapati usa metà farina di grano integrale e metà farina doppi zero. Devo essere onesta con voi, questa è la ricetta originale per il chapati ovvero la ricetta che abbiamo preso quando eravamo in India dal cuoco/proprietario da uno dei piccoli B&B dove siamo stati, ma loro usano una farina speciale che si chiama Atta, L’atta è fatta dal duro Gehun (grano indiano, o durum) ed è più finemente macinata rispetto alla maggior parte delle farine integrali di stile occidentale.

Pane Chapati

Abbiamo adatto questa ricetta usando una uguale quantità di farina di grano integrale e di farina doppio zero. Se unite e setacciate le due farine un paio di volte, potete ricreare la stessa consistenza dell’atta e preparare un pane chapati praticamente uguale a quello vero indiano!

Come tutti i pani indiani, ci vuole un po’ di pratica. In casa, sono la maestra di questi pani azzimi. Giulio vuole sempre comandare in cucina e quando abbiamo preparato il chapati la settimana scorsa, provava a fare dei dischi tondi e belli, ma venivano tutti male. Era un disastro. Il suo pane chapati era di forme assurde, troppo spesso o rotti in almeno dieci posti. Infatti, ho dovuto nasconderli tutti per le foto!

Cosa sono i chapati?  

La parola “chapat”, è hindi per “schiaffo”, che è come tradizionalmente veniva prodotta la pasta sottile. Era schiaffeggiato tra i palmi delle mani bagnate, ruotando tra uno schiaffo e l’altro. È una forma popolare di pane nel subcontinente indiano ed è stata introdotta in altre parti del mondo da immigrati, in particolare mercanti, che si stabilirono nell’Asia centrale e sud-orientale e nelle isole dei Caraibi.

Il diametro e lo spessore esatti dei chapati possono variare da regione a regione e alcune famiglie hanno mattoncini specializzati e recipienti di cottura per produrli. Alcune ricette tradizionali possono tralasciare il sale in modo che il pane si comporti come un recipiente insipido per piatti molto speziati. Oppure, a volte formaggio grattugiato, ravanello o curcuma viene aggiunto all’impasto per colore e sapore.

Ai vecchi tempi, il primo test della capacità della nuova sposa indiana era basato su come avrebbe fatto i chapati. Se li ha fatti perfettamente tondi, se li ha cucinati nel modo giusto (senza cerotti crudi o carbonizzati), se era capace a stendere l’impasto e guardare contemporaneamente un altro chapati sul fornello? I suoceri scrutavano il prodotto finale, strappavano una porzione, mordevano e esprimevano il loro verdetto.

Quei giorni di “giudicare” la sposa sono finiti (o almeno speriamo!), Ma resta il fatto che ottenere il chapati giusto è un indicatore istantaneo dell’esperienza dello chef. La ricetta è semplice, ma ci sono dei trucchi.

Pane Chapati
Pane Chapati
Pane Chapati
Pane Chapati
Pane Chapati

Come fare il chapati

Preparare l’impasto – Questo è un semplice pane fatto con farina bianca e integrale, sale, olio e acqua. Potete farlo nel robot da cucina o a mano.

Impastare l’impasto – Potete fare anche questo passaggio a mano o nel robot da cucina, ma è importante che è impastato bene o la il chapati non si gonfierà nella padella.

Formare i chapati – Volete cerchi sottili di circa 15 cm di diametro e 1/2 cm di spessore. Continuare a leggere per suggerimenti su come stendere l’impasto.

Cuocere i chapati – In India, molte famiglie cucinano i chapati su una tava o tawa – in pratica, una padella molto piatta e sottile, spesso in acciaio o alluminio economico, progettato per cucinare tutti i tipi di focacce, dai chapati ai paratha e dosa – ma una padella per pancake funziona bene.

Dopo che sono cotti – Spennellate un lato di ogni chapati con burro fuso, quindi piegate a metà e coprite con un canovaccio. Questo li mantiene umidi e morbidi, altrimenti saranno come il cartone prima che gli altri chapati sono cotti.

Pane Chapati

Consigli per fare i chapati perfetti

Fare riposare l’impasto – Dopo aver impastato l’impasto, mettilo in una ciotola in frigorifero per mezz’ora prima di iniziare a modellare e cucinare. Se lo lasciate a temperatura ambiente, diventa solo più umido e più appiccicoso.

Non usare troppa farina – L’impasto dei chapati si deve essere piuttosto appiccicoso. Ovviamente, avete bisogno di un po’ di farina, perché questo impasto si attacca praticamente a qualsiasi cosa, ma se usate anche un po’ più di quello che vi serve, si seccherà e finirete con pane disidratato che è non è buono da mangiare.

Come formare i chapati – La cosa più importante è di tenere le mani ben infarinate e cominciare con una palla piuttosto tonda. Poi quando state spianando il pane, occorre fare due giri in su, due verso destra e poi girare l’imposto di 45° e ripetere. Quando l’impasto è bello fine, il pane chapati è quasi finito. Va quindi capovolto una volta tra i palmi delle mani come l’impasto della pizza e va quindi messo su una padella molto calda. L’impasto dell’impasto e il successivo riposo sono importanti per sviluppare il glutine e rendere l’impasto abbastanza leggero da sfogliare e cuocere.

Anche se il vostro pane chapati non è tanto tondo, non è un problema. Se riuscite a farli fini, senza bruciarli in padella, saranno buonissimi!

Se la vostra focaccia non si gonfia come una palla, avrete comunque un sapore delizioso. Potrebbe essere necessaria un po’ di pratica per ottenere chapati gonfi.

Pane Chapati

Come mangiare i chapati

L’impasto, dopo che è fatto, poi restare nel frigo per una settimana senza problemi. Così avete il pane chapati per tutte le vostre cene indiane.

Come i pani di tutto il mondo, il chapati è un accompagnamento base di altri alimenti e viene normalmente consumato con verdure cotte o curry. Può essere chiamato una “ciotola” per curry o verdure cotte.

Prova i chapati con questi piatti indiani:

Pane Chapati

Chapati

Pane Chapati

Tempo di preparazione20 minCottura15 min
DifficoltàIntermedio

DOSI PER:

4 persone

&nbsp

Ingredienti

200g di farina integrale
200g di farina "00"
20ml di acqua
sale
1/2 cucchiaino di ghi o olio

Preparazione

1

Setacciare le farine nella ciotola di un robot di cucina in modo che siano ben miscelate e le punte più grossolane siano tralasciate. Accendere il motore e mentre la farina si sta mescolando, gradualmente e lentamente versare l'acqua. Mescolare costantemente versando l'acqua fino a quando non si forma una pasta morbida e leggermente appiccicosa.

2

Impastare per 5 minuti fino a quando l'impasto non diventa elastico e può essere tirato e stirato. Spalmare l'impasto con un sottile strato di olio o burro chiarificato, coprire con la pellicola e lasciare risposare nel frigo per una notte.

3

Mettere una padella grande su fuoco alto, così farà molto caldo quando i chapati sono pronti per la cottura. La cottura su una padella calda consente ai chapati di cuocere più velocemente e di surriscaldarsi per un tempo più breve, questo aiuta a mantenerli morbidi, ma possono anche facilmente bruciarsi rapidamente, quindi state attenti.

4

Prendere l'impasto riposato, strappare un pezzo che si adatta al palmo della vostra mano. Arrotolare l'impasto tra le mani, premendo con decisione, usando un movimento circolare per creare una palla. Arrotolare l'impasto nella farina.

5

Premere l'impasto con le mani per formare un disco circolare. Rivestire l'impasto su entrambi i lati con altra farina e adagiarlo sul piano di cottura. Arrotolare l'impasto due volte su e giù in una direzione, quindi ruotare di 45 gradi e ripetere in modo che la pasta rimanga a forma di un cerchio. Avrete bisogno di aggiungere altra farina all'impasto se inizia ad attaccarsi alla tavola ed al mattarello. Continuare fino a quando il chapati è più sottile che puoi, senza che si inizi a strappare o perdere forma.

6

Appoggiare il chapati su una mano e girala sull'altra, girando rapidamente avanti e indietro per aiutare a stendere di più la pasta e scuotere via della farina extra.

7

Adagiate velocemente il chapati sulla padella calda cercando di capovolgerlo in modo che rimanga piatto. Prendere un asciugamano pulito e premere leggermente intorno all'intero chapati in modo che tutte le aree tocchino la padella e cuociano uniformemente. Premendo leggermente spesso aiuta anche il chapati a gonfiarsi. Capovolgi il chapati dopo 30 secondi in modo che non bruci. Cuocere nuovamente per altri 10-30 secondi. Questo è quando è facile bruciare il chapati e cuocerlo troppo. Ci dovrebbero essere solo piccole macchie marroni, se ci sono grandi macchie marroni significa che sta bruciando. Usa l'asciugamano per premere i punti che sembrano grezzi o meno cotti.

8

Posizionare il chapati cotto su un un asciugamano pulito e avvolgerlo mentre fate gli altri. Questo aiuta a mantenere caldo i chapati e cattura il vapore che esce aiutandoli a rimanere morbidi.

Ingredienti

 200g di farina integrale
 200g di farina "00"
 20ml di acqua
 sale
 1/2 cucchiaino di ghi o olio

Preparazione

1

Setacciare le farine nella ciotola di un robot di cucina in modo che siano ben miscelate e le punte più grossolane siano tralasciate. Accendere il motore e mentre la farina si sta mescolando, gradualmente e lentamente versare l'acqua. Mescolare costantemente versando l'acqua fino a quando non si forma una pasta morbida e leggermente appiccicosa.

2

Impastare per 5 minuti fino a quando l'impasto non diventa elastico e può essere tirato e stirato. Spalmare l'impasto con un sottile strato di olio o burro chiarificato, coprire con la pellicola e lasciare risposare nel frigo per una notte.

3

Mettere una padella grande su fuoco alto, così farà molto caldo quando i chapati sono pronti per la cottura. La cottura su una padella calda consente ai chapati di cuocere più velocemente e di surriscaldarsi per un tempo più breve, questo aiuta a mantenerli morbidi, ma possono anche facilmente bruciarsi rapidamente, quindi state attenti.

4

Prendere l'impasto riposato, strappare un pezzo che si adatta al palmo della vostra mano. Arrotolare l'impasto tra le mani, premendo con decisione, usando un movimento circolare per creare una palla. Arrotolare l'impasto nella farina.

5

Premere l'impasto con le mani per formare un disco circolare. Rivestire l'impasto su entrambi i lati con altra farina e adagiarlo sul piano di cottura. Arrotolare l'impasto due volte su e giù in una direzione, quindi ruotare di 45 gradi e ripetere in modo che la pasta rimanga a forma di un cerchio. Avrete bisogno di aggiungere altra farina all'impasto se inizia ad attaccarsi alla tavola ed al mattarello. Continuare fino a quando il chapati è più sottile che puoi, senza che si inizi a strappare o perdere forma.

6

Appoggiare il chapati su una mano e girala sull'altra, girando rapidamente avanti e indietro per aiutare a stendere di più la pasta e scuotere via della farina extra.

7

Adagiate velocemente il chapati sulla padella calda cercando di capovolgerlo in modo che rimanga piatto. Prendere un asciugamano pulito e premere leggermente intorno all'intero chapati in modo che tutte le aree tocchino la padella e cuociano uniformemente. Premendo leggermente spesso aiuta anche il chapati a gonfiarsi. Capovolgi il chapati dopo 30 secondi in modo che non bruci. Cuocere nuovamente per altri 10-30 secondi. Questo è quando è facile bruciare il chapati e cuocerlo troppo. Ci dovrebbero essere solo piccole macchie marroni, se ci sono grandi macchie marroni significa che sta bruciando. Usa l'asciugamano per premere i punti che sembrano grezzi o meno cotti.

8

Posizionare il chapati cotto su un un asciugamano pulito e avvolgerlo mentre fate gli altri. Questo aiuta a mantenere caldo i chapati e cattura il vapore che esce aiutandoli a rimanere morbidi.

Pane Chapati
ISCRIVITI AL NEWSLETTER
per tante ricette esclusive dal mondo ogni settimana direttamente nella tua e-mail!

Cercate altre ricette indiani? Prova il nostro Il vero butter chicken o murgh makhani o Korma di Pollo Indiano

Se provi questa ricetta, condividila con #cucinainternazionale.

salsa raita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.