Riso pilaf

Vai alla ricetta

Riso Pilaf, o pulav, o palaw, o plov – ci sono tante variazioni quante sono le nazioni nel sud e ovest dell’Asia, nel Medio Oriente, in India, nei Balcani e in ampie zone dell’Africa.

Oggi stiamo preparando la ricetta del pilaf di riso più semplice. Riso bianco cucinato con un po’ di olio saporito e cipolla tritata, quindi cotto a fuoco lento con brodo. È un passo avanti rispetto al riso cotto in acqua, ma non così elaborato da non riuscire a farlo durante la settimana.

pilaf

Cosa è il riso pilaf?

Il riso pilaf è un piatto vecchissimo. Nella breve definizione data nell’Oxford Companion to Food è descritto come “un metodo mediorientale di cucinare il riso in modo che ogni chicco rimanga separato”. Questa separazione è la cosa importante: i testi arabi del 13° secolo suggeriscono che i grani grassottelli dovrebbero assomigliare ai grani di pepe – niente poltiglia, nessuna viscosità.

I pilaf possono passare da questa versione semplicissima a contorni più complessi (e saporiti). Potete preparare pilaf che mescolano altri cereali e pasta insieme al riso bianco, come riso selvatico, orzo, pezzi di vermicelli rotti e minuscole lenticchie.

Insieme alla cipolla, potete mescolare piselli, carote a dadini, peperoni tritati o funghi saltati o anche ingredienti dolci-salati come uva passa dorata, ribes essiccato, albicocche secche tritate o noci.

Aromatizzalo con un pizzico di zafferano, alcune spezie o persino una striscia di scorza d’arancia. Queste aggiunte danno al pilaf un miscuglio di trame e sapori

pilaf
pilaf

Riso basmati – cos’è?

Tradizionalmente, il riso basmati è usato per fare il pilaf. Il metodo di cottura esalta il sapore aromatico del riso.

Il riso basmati è una varietà di riso a chicco lungo che ha origine ai piedi dell’Himalaya e viene tradizionalmente servito nelle cucine indiana e di altri paesi del sud asiatico.

Servito spesso insieme a vari curry, brasati o arrosti o come ingrediente principale nel classico biryani, il riso basmati viene talvolta servito semplice ma spesso aromatizzato con curcuma o zafferano, entrambi i quali conferiscono una caratteristica tonalità gialla.

Il suo caratteristico sapore di nocciola e l’aroma unico e leggermente floreale è simile a quello del riso al gelsomino, che è comunemente usato nella cucina tailandese e in altri paesi del sud-est asiatico. Quando è cotto, il basmati ha un chicco leggermente più morbido del riso al gelsomino, mentre il gelsomino ha un sapore più di nocciolo.

Se non avete riso basmati, usare il riso Jasmine o il riso bianco a chicco lungo.

pilaf

Come fare il riso pilaf

Risciacquare il riso – Posizionare il riso in un colino e sciacquarlo accuratamente sotto acqua fredda. Laviamo il riso per eliminare tutto l’amido, che si trasforma in colla quando cuoce e rende il riso appiccicoso. Non lo vogliamo! Vogliamo che ogni grano sia separato.

Cuocere la cipolla – Scaldare l’olio di oliva e il burro (o il ghì se l’avete!) nella casseruola a fuoco medio. Aggiungere la cipolla e cuocere fino a quando la cipolla è traslucida e morbida. La cipolla è l’unico sapore aggiuntivo in questa ricetta di riso e la stiamo condendo con zenzero, cannella, curcuma e aglio per un tocco mediorientale in più!

Tostare il riso – Cuocere, mescolando spesso, fino a quando le punte del riso diventano traslucide e il riso ha un odore fragrante e tostato. La tostatura del riso gli conferisce un delizioso sapore di nocciola. Guardare la padella con molta attenzione perché il riso può bruciare abbastanza rapidamente.

Aggiungere il brodo – Versare il brodo o l’acqua e il sale nella casseruola e aumentare il calore a medio alto. Portare ad ebollizione. Si usa tradizionalmente il brodo di pollo. Potete usare brodo di carne o brodo vegetale per una ricetta vegetariana. O semplicemente acqua.

Coprire e cuocere – Cuocere il riso senza sollevare il coperchio per 15-18 minuti. Alla fine, controllare che il riso sia tenero e abbia assorbito tutto il liquido. In caso contrario, coprire e cuocere per qualche altro minuto, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua se necessario. Non aprire il coperchio mentre il riso sta cuocendo o uscirà tutto il vapore. Assicuravi che il calore sia basso e controllare se il riso è cotto assaggiando un chicco. Dovrebbe essere al dente.

Far riposare il riso – Togliere la padella dal fuoco e lasciala riposare, coperta, per altri 5-10 minuti. La cottura a vapore del riso alla fine aiuta a far evaporare qualsiasi liquido residuo e garantisce che i chicchi siano perfettamente separati

Girare e servire – Rimuovere il coperchio e girare il pilaf con una forchetta. Trasferire in una scodella e servire.

pilaf

Riso pilaf al forno

Un modo alternativo di cucinare questo riso pilaf è nel forno.

Il pilaf nel forno è super facile. Alcune erbe tritate o il parmigiano grattugiato sono deliziosi mescolati nel piatto finito. Potete anche preparare questa ricetta con riso integrale a grana lunga. Basta cuocere più a lungo fino a quando il riso è tenero.

Per riso pilaf al forno:

Preriscaldare il forno a 180°C. Dopo aver tostato le cipolle e il riso, aggiungere il brodo caldo, il sale e il pepe, porta ad ebollizione, coprire e mettere nel forno.

Cuocere il pilaf fino a quando tutto il liquido non viene assorbito, circa 20-25 minuti. Togliere dal forno, mescolare con una forchetta e servire.

pilaf

Come servire il pilaf

Chiuso in una pentola con riso a grani lunghi, il brodo penetra nei chicchi e li infonde con abbastanza sapore e umidità per fare un riso leggero e aromatico che si abbina praticamente a tutto: carne, pesce, verdure, noci o frutta secca.

Ci piace servire il nostro pilaf con un semplice pollo arrosto o verdure arrosto. A volte, ci piace mangiarlo semplicemente per un pranzo o una cena leggeri. Altrimenti il pilaf è un fantastico contorno alle classiche ricette indiane e medio orientali come queste:

Tradizionalmente, un pilaf viene anche servito con un cucchiaio o due di yogurt greco condito con succo di limone.

Riso pilaf con verdure

Per un piatto vegetariano semplice e delizioso, aggiungere alcune carote e zucca tritate alle cipolle mentre le cucinate.

Quindi, quando cucinate il riso, aggiungere una lattina di ceci e 60g di albicocche secche, tagliate a pezzetti.

Cuocere il riso con brodo vegetale come indicato nella ricetta e servire il vostro pilaf con verdure con una manciata di pinoli tostati e una spremuta di succo di lime.

Consigli per il pilaf perfetto

Dal punto di vista tecnico, ci sono tre passaggi fondamentali che sono essenziali per preparare un buon pilaf: tostare il riso prima della cottura, usare un liquido di cottura leggermente inferiore rispetto al normale e lasciare riposare il pilaf per alcuni minuti prima di servire.

Tostare il riso – La tostatura del riso conferisce all’intero piatto un sapore più ricco e complesso. Non solo i sapori ricchi di noci e terrosi del riso diventano più pronunciati, ma c’è anche la possibilità di aggiungere un po’ di sapore con l’olio stesso. Provare a usare olio di cocco, olio di sesamo o qualsiasi altro olio saporito che avete in cucina.

Usare meno liquido – Cucinare il pilaf in meno liquido rende il pilaf più soffice, con chicchi separati e distinti. Il riso è ancora cotto e morbido, ma la consistenza è solo un tocco più secco rispetto al riso normale.

Lasciare riposare il riso per alcuni minuti prima di servire – Questo passaggio aiuta anche a dare il riso una consistenza più soffice. Il vapore in eccesso si dissipa e i chicchi di riso hanno la possibilità di rassodarsi: rimangono distinti anziché attaccarsi l’uno all’altro. Usare una forchetta invece di un cucchiaio o una spatola per girare il riso cotto; i denti aiutano a separare i chicchi di riso senza schiacciarli o romperli.

pilaf

Riso Pilaf

Riso Pilaf, o pulav, o palaw, o plov - ci sono tante variazioni quante sono le nazioni nel sud e ovest dell'Asia, nel Medio Oriente, in India, nei Balcani e in ampie zone dell'Africa.

Oggi stiamo preparando la ricetta del pilaf di riso più semplice. Riso bianco cucinato con un po' di olio saporito e cipolla tritata, quindi cotto a fuoco lento con brodo. È un passo avanti rispetto al riso cotto in acqua, ma non così elaborato da non riuscire a farlo durante la settimana.

Tempo di preparazione10 minCottura15 min
DifficoltàPrincipiante

DOSI PER:

4 persone

&nbsp

Ingredienti

200g di riso basmati
1 cucchiaio ciascuno di olio extra vergine di oliva e burro (o ghi)
1/2 cipolla gialla media, a dadini
1 cucchiaio di zenzero finemente grattugiato
1 cucchiaino di curcuma in polvere
1 spicchio d'aglio, tritato finemente
1 stecca di cannella
1/2 cucchiaino di sale fine
440ml di brodo di pollo, brodo vegetale o acqua

Preparazione

1

Posizionare il riso in un colino e sciacquarlo accuratamente sotto acqua fredda. L'acqua che attraversa il riso apparirà inizialmente lattiginosa, ma diventerà più chiara e solo leggermente annebbiata. Va bene se c'è ancora della foschia nell'acqua. Non è necessario asciugare il riso prima della cottura; un po' di umidità sul riso va bene. Mettere da parte.

2

Scaldare l'olio di oliva e il burro nella casseruola a fuoco medio. Aggiungere la cipolla, cannella, zenzero, aglio e curcuma e cuocere fino a quando la cipolla è traslucida e morbida.

3

Aggiungere il riso nella padella e mescolare per ricoprire con olio d'oliva e burro. Continuare a cuocere, mescolando spesso, fino a quando le punte del riso diventano traslucide e il riso ha un odore fragrante e tostato.

4

Versare il brodo e il sale nella casseruola e aumentare il calore a medio-alto. Portare ad ebollizione.

5

Non appena l'acqua bolle, ridurre il fuoco a livello basso e coprire la pentola. Cuocere senza sollevare il coperchio per 15-18 minuti. Alla fine, controllare che il riso sia tenero e abbia assorbito tutto il liquido. In caso contrario, coprire e cuocere per qualche altro minuto, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua se necessario.

6

Togliere la padella dal fuoco e lasciala riposare, coperta, per altri 5-10 minuti.

7

Rimuovere il coperchio e girare il pilaf con una forchetta. Trasferire in una scodella e servire.

Ingredienti

 200g di riso basmati
 1 cucchiaio ciascuno di olio extra vergine di oliva e burro (o ghi)
 1/2 cipolla gialla media, a dadini
 1 cucchiaio di zenzero finemente grattugiato
 1 cucchiaino di curcuma in polvere
 1 spicchio d'aglio, tritato finemente
 1 stecca di cannella
 1/2 cucchiaino di sale fine
 440ml di brodo di pollo, brodo vegetale o acqua

Preparazione

1

Posizionare il riso in un colino e sciacquarlo accuratamente sotto acqua fredda. L'acqua che attraversa il riso apparirà inizialmente lattiginosa, ma diventerà più chiara e solo leggermente annebbiata. Va bene se c'è ancora della foschia nell'acqua. Non è necessario asciugare il riso prima della cottura; un po' di umidità sul riso va bene. Mettere da parte.

2

Scaldare l'olio di oliva e il burro nella casseruola a fuoco medio. Aggiungere la cipolla, cannella, zenzero, aglio e curcuma e cuocere fino a quando la cipolla è traslucida e morbida.

3

Aggiungere il riso nella padella e mescolare per ricoprire con olio d'oliva e burro. Continuare a cuocere, mescolando spesso, fino a quando le punte del riso diventano traslucide e il riso ha un odore fragrante e tostato.

4

Versare il brodo e il sale nella casseruola e aumentare il calore a medio-alto. Portare ad ebollizione.

5

Non appena l'acqua bolle, ridurre il fuoco a livello basso e coprire la pentola. Cuocere senza sollevare il coperchio per 15-18 minuti. Alla fine, controllare che il riso sia tenero e abbia assorbito tutto il liquido. In caso contrario, coprire e cuocere per qualche altro minuto, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua se necessario.

6

Togliere la padella dal fuoco e lasciala riposare, coperta, per altri 5-10 minuti.

7

Rimuovere il coperchio e girare il pilaf con una forchetta. Trasferire in una scodella e servire.

Riso Pilaf

Cercate altre ricette del Medio Oriente? Prova il nostro Falafel Ayran (bevanda di yogurt)

Ebook gratis
WEEKNIGHT EXPRESS include 10 ricette etniche esclusive. E' una collezione di pasti fatti per i giorni feriali esotici e sfiziosi, ma facili da preparare.
Iscriviti per ottenere 32 pagine di ricette da visualizzare sul tablet, e-book reader o telefono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.